Forum caffé

 
 
Immagine Paola Lerza
Diario d'estate
di Paola Lerza - domenica, 6 luglio 2014, 21:22
 

what am I doing?
Che cosa sto facendo? se lo domandava l'anno scorso con le stesse parole una mia amica di Londra, quando decise di mollare tutto - casa e figli - e di venire in Italia per cinque mesi a imparare l'italiano. Non che io voglia fare la stessa cosa, non potrei permettermelo, con la scuola. Ma d'estate, tant'è...
Passo indietro. C'è un sito sul quale bazzico da qualche anno, che si chiama conversation exchange e che raccomando caldamente a chiunque voglia praticare una lingua straniera insegnando, in cambio, un po' di italiano. Qui ho conosciuto gente simpaticissima e con alcuni di loro, come spesso accade quando si usa la rete in modo consapevole e intelligente, siamo diventati amici. Con qualcuno ci siamo anche incontrati, qui in Italia, in Inghilterra o in Irlanda. La mia amica dei cinque mesi è una di questi.

 
Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - domenica, 31 agosto 2014, 14:52
 

Ciao Adriana e ben ritrovata! Le quote associative di fl vanno ad anno solare, quindisei socia per tutto il 2014 sorridente

A presto!

Immagine Adriana Piazza
Re: Diario d'estate
di Adriana Piazza - domenica, 31 agosto 2014, 14:42
 

Rieccoci qui e domani...si riparte con un'incognita in più (oltre quelle che ci prepara il Ministero): una nuova Preside...speriamo bene.

Volevo porre un quesito: l'anno scorso ho frequentato tre dei vostri corsi e mi sono associata, adesso vorrei frequentare Flash e non so se la mia quota associativa è valida per tutto il 2014 oppure se è scaduta con il 31 Agosto. Resto in attesa della risposta. Ciao ciao

Immagine Liliana  Manconi
Re: Diario d'estate
di Liliana Manconi - domenica, 31 agosto 2014, 00:16
 

anche da noi un caldo che neanche a luglio... ed io sono rientrata a casa: da lunedì si riprende.... le vacanze sono belle ma non mi dispiace riprendere la solita vita. Bentrovate a tutte!!! sorridente

formica Clara
Re: Diario d'estate
di Ada Giammarinaro - mercoledì, 27 agosto 2014, 21:55
 

Eheh, qui invece  sole e mare!approvo

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - martedì, 26 agosto 2014, 14:57
 

Qui a Genova... cats and dogs, tigers and elephants, insomma, piove de tutto e deppiù, c'è burrasca e se non fosse per la temperatura sembrerebbe novembre triste... il tempo inglese era decisamente meglio, il che è tutto dire triste

Immagine Maria Lidia Locci
Re: Diario d'estate
di Maria Lidia Locci - martedì, 26 agosto 2014, 13:38
 

Io riesco a dormire solo con due mattoncini di ghiaccio ai piedi!!! triste

Lucia, ricordo bene un mio viaggio sul lago:  pioggia di notte e frescura di giorno!! Che bellezza!!! A me piaceva!!!!

 

Immagine Lucia Bartoli
Re: Diario d'estate
di Lucia Bartoli - martedì, 26 agosto 2014, 11:30
 

qui da me invece è stata un'estate autunnalestrabuzzante piove e fa freddo i giorni di sole si possono contare sulle dita di una manoarrabbiato

Immagine Teresa Ducci
Re: Diario d'estate
di Teresa Ducci - martedì, 26 agosto 2014, 07:49
 

Lidia a Roma è stata un estate moooolto fresca, pensa che già si dorme con una copertina di cotone e....quandomai!!!!!!! grande sorriso

Immagine Maria Lidia Locci
Re: Diario d'estate
di Maria Lidia Locci - lunedì, 25 agosto 2014, 19:53
 

La mia estate non è ancora passata: in casa o al mare, ma sempre alla ricerca del fresco! Preferisco la stagione invernale, che qui è abbastanza mite!!

Bentornati a tutti  sorridente

 

avatar
Re: Diario d'estate
di lucia maria izzo - sabato, 23 agosto 2014, 14:47
 

Bentornata. Anche io sono rientrata, ma la mia vacanza è stata molto banale. sorridente

Immagine Lucia Bartoli
Re: Diario d'estate
di Lucia Bartoli - venerdì, 22 agosto 2014, 22:39
 

Bentornata sorridente

Immagine Teresa Ducci
Re: Diario d'estate
di Teresa Ducci - venerdì, 22 agosto 2014, 18:39
 

Bentornata!!!! sorridente Aspettiamo i tuoi appunti di viaggio sorridente

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - venerdì, 22 agosto 2014, 16:46
 

Grazie! ORA SONO A CASA DI NUOVO! sorridente è STATA UNA VACANZA MERAVIGLIOSA!

Immagine Teresa Ducci
Re: Diario d'estate
di Teresa Ducci - lunedì, 18 agosto 2014, 19:41
 

Buone vacanze !!!! sorridente sorridente sorridente

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - giovedì, 14 agosto 2014, 22:48
 

Ho deciso che non farò più diario perchè d' ora in poi è semplice turismo e farò poi il servizio sullo statico. Metterò però di tanto in tanto qualche foto di memedesima in posti significativi. Qui ad esempio sono con Jill e Keith fuori da casa loro poco prima di salutarli. Nella seconda foto sono a Conway, Galles del nord, uno dei posti più belli che io abbia mai visto, un paese delizioso in cui mi piacerebbe abitare



Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - giovedì, 14 agosto 2014, 08:40
 

He he, never ever! A leopard can't change its spots. Carino anche questo idiom, che sta un po' a metà tra il lupo che perde il pelo ma non il vizio e il fatto che chi nasce rotondo non possa morire quadrato. Però, oddio, con i miracoli della chirurgia plastica chissammai...ammiccante ... Comunque nelle nostre espressioni c'è spesso il lupo, antico terrore delle nostre montagne... I britannoci sono decisamente più esotici!

Oggi  Galles!

Immagine Teresa Ducci
Re: Diario d'estate
di Teresa Ducci - mercoledì, 13 agosto 2014, 12:29
 

grande sorriso Brava Paola non ti smentisci mai neanche in Inglese sorridente

You don't deny never even in english sorridente
Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - mercoledì, 13 agosto 2014, 09:02
 

Questa invece la parte in italiano... Ma fare il copincolla qui è un problema!

Jill e Keith sono persone

Che non puoi dimenticare,

Perchè in ogni situazione

San davvero farsi amare.

Io che ho avuto l'occasione

 Di poterli frequentare,

Ora colgo l'occasione

Per poterli ringraziare  sorridente .

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - mercoledì, 13 agosto 2014, 08:50
 

when l came l was quite wary,

praying to God and holy Mary,

after being here for a while

all my strain turned into a smile.

l've been glad and happy too

spending all this time with you.

Jill is really pretty and sweet

she can perfectly cook meat,

chicken, vegs, she also bakes

all varieties of cakes.

Keith was very kind to me,

he prepared my coffee and tea

and he stunned my brain and nerves

with so many ltalian words!

lf you want to get advice,

here it is like paradise

a nice place where you can stay,

l' m so sad to go away!

Quesro il mio messaggio in inglese sul libro degli ospiti sorridente 

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - mercoledì, 13 agosto 2014, 08:47
 

Eccomi pronta e impacchettata per la seconda parte delle mie vacanze, che vi racconterò come potrò e quando avrò la linea, ma che sarà più normale, in quanto si tratta di una comune vacanza turistica. Al max se non vi annoia vi metto qualche foto! Ma poi con calma farò il servizio per gli appunti di viaggio.

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - martedì, 12 agosto 2014, 21:14
 

Per le chiese, Jill dice che devono fare soldi in qualche modo... Altro che Vaticano!!! Approfitto per scusarmi degli innumerevoli errori di battitura che faccio, ma digitare su questo trabiccolo non è il max della comodità e in genere vado di fretta. Correggere è un dosastro perchè non riesco mai a beccare il punto giusto!

Oggi comunque è il mio ultimo giorno. Domani mattina verrò riaccompagnata alla stazione e tornerò a Manchester a prendere Umberto detto Umbe, dopodichè con una macchina a noleggio faremo way back here, perchè torno a prendermi i bagagli che Jill e Keith mi tengono qui, dato che il nostro primo albergo è sulla strada. Devo dire che un po' mi dispiace, anche se ho la testa che mi scoppia di inglese e non vedo l'ora di parlare un po' nella lingua mia. Ho dovuto pensare a qualcosa da scrivere nel loro guestbook, perchè è tradizione che gli ospiti lascino un commento. Beh, il giullare di corte si è messo all'opera e... Prossimamente vi copincollo o copio dsgli appunti di cartaccia quello che ho scritto.

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - martedì, 12 agosto 2014, 18:45
 

Una cosa straordinaria, che non mi aspettavo affatto, sono le chiese. Niente di che architettonicamente, per carità... quasi tutta roba rifatta in stile fintogotico e spoglie. Certo, la cattedrale di Chester sembra un campo da pallone e ci si potrebbe giocare a nascondino... ma quello che stupisce è lo spirito religioso. Nelle chiese si parla a voce alta, esattamente come in strada. Effettivamente, a ben pensarci, il Padreterno, se esiste, ci ascolta comunque, che gridiamo o che bisbigliamo e financo che pensiamo! Ma mica è finita. Nelle chiese si mangia, si beve e si prende il tè coi pasticcini. Chiese sconsacrate, direte voi. Macchè. Nella navata accanto ci sono gli orari delle funzioni. Astonishing!!! C'è dunque gente che telefona, ma ogni singolo pezzo, anche se è stato fatto l'altro ieri con resina industriale, ha il suo bravo cartello esplicativo... Franceschini ti prego fa' qualcosa per i nostri tesori!!!



Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - martedì, 12 agosto 2014, 17:47
 

stamattina giro in treno a Chester, una cittadina tipicamente inglese che conserva l'impianto della città vittoriana, con i caratteristici edifici a riquadri bianchi e neri o di mattoni e con i tetti spioventi. La prima sorpresa è stata il treno. Due vagoni soli molto pieni ma anche molto puliti, oddio, non come quelli che ho visto in Finlandia ma tamt'è... c'è perfino, udite udite, l' omino che passa col sacco a raccogliere i rifiuti. Noi lo facciamo solo sugli aerei, perchè sono privati.

Anyway. Chester somiglia un po' a Lucca, perchè è circondata da mura sulle quali si può passeggiare. ll simbolo è l'orologio che si vede in foto, ma c'è anche quel che resta del più grande anfiteatro romano d'lnghilterra e un giardino romano.

Quello però per cui la città è più famosa e più frequentata sono i suoi negozi. File interminabili di vie caratteristiche con una quantità infinita di negozi, grandi magazzini che sembrano città coperte e cattedrali del consumo. Tentazione per chi ama lo shopping? Mah, personalmente preferisco la roba italiana, noi abbiamo decisamente più gusto.




Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - martedì, 12 agosto 2014, 17:43
 

Teresa, il cibo è buono!sorridente

Immagine Teresa Ducci
Re: Diario d'estate
di Teresa Ducci - martedì, 12 agosto 2014, 09:43
 

In che meraviglioso posto sei capitata!! strabuzzante Peccato che con il cibo lascino a desiderare, ma dalla vita non si può avere tutto. Il tuo risotto mi ha ricordato le cene della mia prima volta a Londra, quando avevo appena 20 anni ed ero ospite di una famiglia. A me il riso lo servivano lessato e poi lo si condiva a tavola con delle salse uscite da confezioni commerciali. Sinceramente era uno schifo. A te è andata meglio grande sorriso

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - lunedì, 11 agosto 2014, 23:07
 

Nel risotto di stasera c'era di tutto. Era riso spagnolo, più moscio del nostro, con peperoni, piselli, l'ultomo pesto di mia madre avanzato e cotto nel brodo, pezzetti di arrosto di maialedel giorno prima fatto con albicocche e pistacchi, probabilmente qualcos'altro di invisibile e le immancabili spezie tipo cumino e curry, per cui era piuttosto piccantello. Buono però, e piatto unico, seguito dal dolce che si chiama confidenzialmente Ingleberry mess. Ingleberry è il posto dove abitano i miei ospiti, mess significa pasticcio, casino, caos eccetera. Infatti: meringhe, lamponi, yogurth greco magro, pezzi di gelatina dolce di frutta e una salsa color carota che ho scoperto essere mango. Eh?! Però non era niente male in the end.

Domani niente lezione, perchè Jill, che tra le cento cose che sa fare è anche una ricamatrice, avrá il suo workshop con le sue amiche. Io verrò caricata su un treno e spedita a Chester, dove avrò giornata libera e solitaria fino alle 3 del pomeriggio, wow!

Ho dimenticato di dire che le mie lezioni sono finite traducendo e commentando una canzone, "siamo la coppia più bella del mondo" di Celentano eClaudia Mori, perchè davvero questi due simpaticissimi inglesi se lo meritavano

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - lunedì, 11 agosto 2014, 23:57
 

Stamattina per la lezione siamo partiti da un articolo su una rivista inglese. Riguardava un vecchio lupo di mare gallese, che in inglese si dice cane di mare - seadog - e i ricordi d'infanzia del giornalista. Jill e Keith si sono divertiti molto a farsi a vicenda, in italiano, le domande che avevo preparato in inglese seguendo il filo del racconto. Improvvisescion! Teaching off the cuff, ma stasera mi hanno detto che l' insegnamento è stato molto professionale e ne sono contenta, perchè come insegnante di italiano lingua straniera ho dovuto inventarmi!

Nel pomeriggio gita a una vecchia abbazia abbandonata, valle crucis abbey, che risale al XIII secolo. Queste rovine scoperte nel verde mi hanno sempre affascinato perchè su di loro aleggia lo spirito del tempo... Noi abbiamo San Galgano, che al une di voi ricordano bene... Ma non è così ben tenuta, perchè non si pagano tre sterline e cinquanta per entrare... Da noi le cose sono for free!!! ammiccanteE poi vanno in rovina, chissá perchè... Speriamo che Franceschini si senta ronzare le orecchie...

Quindi sosta in un bellissimo paesino sul fiume, dove per la modica cifra di 45 sterline mi sono comprata un maglioncino puro cachemere...dove lo trovo in Italia a quel prezzo?




Immagine Lucia Bartoli
Re: Diario d'estate
di Lucia Bartoli - domenica, 10 agosto 2014, 22:25
 

Io invece alla domenica lavoro il doppio perchè i figli vengono a pranzo e la famiglia si allarga....linguetta d'ora in poi farò come gli inglesi: tutti al publinguettalinguettalinguettalinguettalinguettalinguettalinguettalinguettalinguetta

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - domenica, 10 agosto 2014, 21:49
 

Ahahahah ho messo la foto capovolta, che scema!!!! Sorry... Sì, è un mondo capovolto. Lo so in due maniere diverse, pensa che brava, ti do putr la scelta: upside down oppure topsy turvey, pensa tu!!!grande sorriso

E non dirmi che ho bevuto troppa birra, solo una scura piccola!

formica Clara
Re: Diario d'estate
di Ada Giammarinaro - domenica, 10 agosto 2014, 20:35
 

Paola, ma nei pub le sedie le appendono al soffitto?????strabuzzantesorpresogrande sorriso Qual è l'espressione inglese per "mondo capovolto"? linguetta

p.s. mi leggo volentieri tutti i post di questo filo. approvo

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - domenica, 10 agosto 2014, 15:48
 

Oggi per la prima volta da quando sono qui mi sono svegliata sotto una pioggia battente. Il paesaggio cambia colore e si fa grigio, ma stamattina abbiamo lavorato su una storia di Marcovaldo da me opportunamente tagliata e su espressioni del tipo "prima di fare" e "dopo aver fatto". Devo dire che gli inglesi hanno una. grossa lacuna culturale perchè la loro formazione non ha mai comportato uno studio serio delle lingue. Ora si sono accorti che sono importanti, ma le vecchie generazioni non hanno mai sentito la necessità di imparare altre lingue oltre la propria, che era la più parlata al mondo. Ora le cose stanno cambiando.

Oggi è domenica e Jill e Keith mi hanno portato a mangiare al pub. Pranzo squisito a base di arrosto tenerissimo a scelta tra tacchino, maiale, manzo e agnello, con una gran varietà di verdure e salse strane che mi sono guardata dall'assaggiare. Ma la salsa dell'arrosto era buonissima. Metto la foto del pub perchè è un locale tipico. Dentro, gente di tutte le età. Le donne sono straordinariamente grasse, spesso, e altrettanto spesso vestono maglie a righe orizzontali!!! Aaahhhh, la diseleganza inglese! È impareggiabile!

Però ho imparato un idiom bellissimo e poetico riferito alla morte... Mi direte, che c' entra? Boh, non lo so neanche io ma ve lo dico lo stesso. Sapevo che un modo per dire " prima di morire" è "before kicking the bucket", cioè prima di dare un calcio al secchio sul quale gli impiccati stavano in piedi, ma non sapevo che " quando saremo morti" si può dire when we'll be pushing up daisies, cioè quando faremo nascere le margherite. Non è meravigliosa questa espressione floreale?sorridente

Oggi è domenica e si riposa a casa.


Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - sabato, 9 agosto 2014, 22:31
 

Jill e Keith dicono che bevo poco. Lo credo, con tutto quel tè verde acquoso che ingurgito a colazione, pranzo e cena anche un bicchiere d'acqua potrebbe provocare alluvioni!!!grande sorriso

Loro due, in compenso, hanno sempre qualcosa giù per l'esofago: dopo la colazione delle nove, cappuccino alle dieci e talvolta anche alle undici; Nel pomeriggio, tè sempre rigorosamente verde e con qualche dolcetto. Talvolta un altro cappuccino dopo cena. Sono molto stupiti del fatto che io non voglia niente tra un pasto e l' altro!

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - sabato, 9 agosto 2014, 18:59
 

oggi passeggiata su un canale vicino a casa, dopo esserci spazzolati quel che rimaneva delle trofie e del pesto. Ma voi avete mai visto mettere una bella spolverata di pepe sulla pasta al pesto ? Io sinceramente no... Per fortuna ciascuno condiva il suo piatto!!!cool

Ho visto da vicino la vecchia fabbrica di pietre con la ciminiera alta circa 40 metri, ma non avevo dietro il tablet per fotografare. Quindi vi metto una foto della casa. La mia stanza è la proma finestra in basso a destra... Lovely!


Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - sabato, 9 agosto 2014, 14:32
 

Pronunciation. Misunderstanding and all around

cose buffe che succedono. Gli inglesi sembrano così buffi quando parlano italiano, avete presente Stanlio e Ollio? Ecco... Ma chissà come sembriamo buffi noi... per questo io cerco di lavorare molto sulla mia pronuncia, e tutti mi dicono che il mio inglese non suona affatto italiano (un'amica una volta mi aveva detto che se non sapesse che sono italiana direbbe che sono tedesca; un'altra più compiacente mi ha detto che alcuni inglesi hanno una pronuncia peggiore della mia, ahah...) But anyway... Noi abbiamo sempre sostenuto che la pronuncia dell'italiano è facile... Manco per niente! Sapete nei loro libri come si pronuncia PICCOLO? Grafia fonetica fai da te... : pee-kkoh-loh !!!!! E STADIO è stah-dee-oh !!!!strabuzzante

Ancora più buffi sono i misunderstanding, equivoci con parole che suonano simili. Per esempio si può andare a scuola per imparare a piangere anziché a dipingere, o mangiare un pomeriggio anziché del formaggio. La stessa cosa è capitata a me tempo fa quando invece di scrivere fill in the blanks, che significa riempi gli spazi bianchi, ho scritto fill in the blankets, che sono invece le coperte... Lapsus!!! Freud avrebbe detto che avevo sonno e volevo andare a letto!

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - sabato, 9 agosto 2014, 09:59
 

La cena di ieri sera merita qualche parola, e peraltro la cena è il pasto più importante della giornata, quello che viene cucinato davvero, magari il giorno prima. Il loro cibo non è nè più buono nè più cattivo del nostro, semplicemente è diverso. A noi può non piacere perchè non ci siamo abituati, ma non è affatto male. Può risultarci un po' pesante o insolito per la quantitá di spezie e sapori diversi, ma chissá che qualcuno di loro non trovi orrenda la nostra cucina!

La cena è solitamente un piatto unico. Nel mio ieri sera c'erano 4 piccole salsicce di maiale, un cucchiaio di composta di cranberries, rossa e acidula,   delle patate schiacciate che Jill aveva tinto con il mio pesto, quindi era un purè verdino, sormontato da una colata di fagioli e castagne stufate. A chi di noi verrebbe mai in mente di fare i fagioli con le castagne?grande sorriso

Poi macedonia di fragole con yogurth greco dolcissimo e more raccolte durante la passeggiata

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - venerdì, 8 agosto 2014, 19:23
 

ll tempo continua a essere straordinariamente bello ma domani è prevista pioggia. Stamattina lezione su un racconto di Tomasi da Lampedusa - hanno tanti libri italiani ma difficili... io cerco di semplificare la lettura e preparo domande a cui loro devono rispondere... Oggi gliele avevo preparate in inglese e loro dovevano porsele a vicenda in italiano e rispondere dopo avere ascoltato la mia lettura. Piano piano, poche frasi alla volta, ce l'hanno fatta e alla fine erano molto contenti e stupiti del fatto che avessi preparato le cose prima. Oh beh, it is my cup of tea, è il mio mestiere!linguetta

Nel pomeriggio giro a piedi nei dintorni lungo un sentiero in salita fino a un bel posto panoramico da cui si vede una delle tre o quattro ciminiere rimaste in piedi in lnghilterra dalla rivoluzione industriale. E' indicata su una tavola di acciaio sul belvedere.

A casa, Jill mi ha mostrato con orgoglio la sua casa delle bambole, costruita nei minimi dettagli in anni di paziente lavoto. La foto non le rende giustizia: è straordinaria!



Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - venerdì, 8 agosto 2014, 15:59
 

Wow, mi accorgo ora che non vi ho ancora parlato di cibo. Bene... Cominciamo dalla colazione, che qui si fa verso le nove. Io mi sveglio di solito alle 7.30, oh come mi manca il mio caffè! Ma ho deciso di adattarmi in tutto agli usi locali, quindi faccio le mie cose e verso le 9 salgo di sopra, in cucina, a dare una mano a preparare. Sul tavolo c'è sempre una vaschetta di frutta mista - che invidia per quei mirtilli grandi quasi quanto ciliegie! - che viene mescolata con una varietà incredibile di cereali e perfino con semi (cinesi) di zucca e altre piante. Sul tutto, una bella innaffiata di latte, freddo per fortuna, che caldo non l' avrei sopportato, e a parte una tazza fumante di leggerissimo tè verde, quello della teiera con il cappellogrande sorriso ll bello è che di tanto in tanto loro aggiungono acqua bollente a questa già acquosissima broda!

Il mio sospirato caffè mi arriva alle 10, all' inizio della lezione, quando Jill e Keith prendono il cappuccino. E' un caffè piuttosto buono, fatto in una DeLonghi espresso dove Keith mette il caffè Kimbo portato da me...che sarebbe da caffettiera, ma fa niente. Keith ê un professionista: prima prende le tazze e ci fa scorrere dentro, dalla macchina, dell'acqua calda perchè siano bollenti; poi fa il caffè espresso per me, lungo e macchiato per se stesso mentre per la moglie fa un capolavoro: caffè, latte montato con la schiuma, poi con una formina spolvera il cacao, ogni giorno diverso: a cuore, a stella, a girandola...infine lo cosparge di qualche grano di zucchero di canna. Niente zucchero bianco, quello credo lo mettano solo nei dolci!!!ammiccante

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - venerdì, 8 agosto 2014, 09:11
 

sorridente

Quando si dice la civiltá. La maggior parte di voi sa che mio padre fa una raccolta di monete quasi maniacale (ne sa qualcosaTeresalinguetta), per cui prima di partire ho ricevuto da lui la lista delle sterline mancamti più un bel sacchetto contenente la ricca somma di 2,72 sterline in... Monetine da 1 pence... i suoi doppioni. Tutti quei centesimi pesavano come un macigno ed erano praticamente inspendibili. Ma niente paura, nei supermercati c'è la cambiasoldi. Una macchina infernale con un carrellino dove si buttano le monete, lei le ingoia, le conta e restituisce uno scontrino trattenendosi 10 centesimi per ogni sterlina. Con lo scontrino si va alla cassa e loro ti danno i pezzi più grossi. Corretto, semplice e veloce!

Immagine Lucia Bartoli
Re: Diario d'estate
di Lucia Bartoli - giovedì, 7 agosto 2014, 21:32
 

Bellissimo Paola, sembra quasi d'esserci.

Io mi ricordo la mia vecchia scuola parrocchiale, vi ho fatto le elementari perché la scuola statale non aveva aule a sufficienza, quindi la parrocchia prestava le sue aule.. oggi sarebbe impensabile e improponibile.. però non era così linda e carinastrabuzzante

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - giovedì, 7 agosto 2014, 21:27
 

Stamattina è toccato a me fare sorprese, perchè ci siamo imbattuti nell'espressione"fare una soffiata" e io sapevo che in inglese si dice to tip something off!!! Hehehe, ma poi Keith mi ha fregato e mi ha chiesto se conoscevo l'equivalente inglese della goccia che fa traboccare il vaso. Io sapevo la ciliegina sulla torta (the icing on the cake) ma la goccia nemmeno per sogno. Ebbene, i britannici non tradiscono il loro passato coloniale dicendo "the straw that broke the camel's back", cioè la pagliuzza che spezza la schiena del cammello

Pomeriggio in giro per Oswestry, 15 mins di macchina, la cittadina più vicina, dove è nato Owen, uno dei più grandi war poets, che ha scritto bellissime poesie sulla primao guerra mondiale. I miei ospiti mi hanno regalato un libro con le sue poesie. La cittadina è carina, tranquilla, pulitissima. La gente per strada si saluta, è attentissima alle precedenze, tutto è civile e pulito. Quanta strada abbiamo ancora da fare!

Ps. C' è una foto della antica scuola parrocchiale!




Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - giovedì, 7 agosto 2014, 15:48
 

Ahò, Lucia, che cci hai contro i miei piselli?timidogrande sorrisogrande sorriso

Immagine Teresa Ducci
Re: Diario d'estate
di Teresa Ducci - giovedì, 7 agosto 2014, 14:51
 

Che meraviglia Paola!! Mi sta tornando voglia di Inghilterra, dei suoi paesaggi e corsi d'acqua.  sorridente

 Il copri teiera è delizioso!!
Grazie dei modi di dire, veramente interessante. Continua così che vai forte !!! ammiccante

Immagine Lucia Bartoli
Re: Diario d'estate
di Lucia Bartoli - giovedì, 7 agosto 2014, 00:35
 

Vivere su un barcone che continuamente ondeggia?!!! Oddio mi viene il mal di mare solo a pensarci.sorpreso

Li ho visti a Parigi, belli per un'esperienza di vacanza, ma tutto l'anno?! No, credo proprio che avere la terra sotto i piedi per me sia megliolinguetta

Ti sei fatta il letto... e ora ci devi dormire... grande sorriso come dire: non fare la principessa sul pisello che son piselli tuoi .....    grande sorrisogrande sorrisogrande sorrisogrande sorrisogrande sorrisogrande sorrisogrande sorrisogrande sorrisogrande sorrisogrande sorrisogrande sorrisogrande sorrisogrande sorrisogrande sorrisogrande sorrisogrande sorrisogrande sorrisogrande sorriso

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - mercoledì, 6 agosto 2014, 22:32
 

Voi l'avevate mai vista una teiera col cappello? Io sinceramente no, e quando ho visto quel buffo cappuccio per evitare che il tè prenda il reffreddore non ho potuto fare a meno di fotografarlo!!!

Jill è un' ottima cuoca di cose inglesi ed esotiche, ma un po' come dappertutto all'estero mescolano troppe cose e non si rendono conto che le cose semplici e poche sono le migliori. Nel piatto che vedete qui sotto, che era la mia cena di stasera, si vedono riso, ceci e pollo, ma c'erano anche curry, cumino, zenzero, cinnamomo, cannella e un torriente de fuego che non so dire perchè era da chiamare i pompieri!!! Non male però, ma noi a quelle cose non siamo abituati. Qui i negozi sono lontani e la spesa si fa a quantità industriali quando ce n'è bisogno, per cui in casa c'è da mangiare per circa otto generazioni!strabuzzante

Per Luciz: ho voluto la bicicletta e mo' pedalo, che l'equivalente inglese è meno poetico e più rilassante: l made the bed and now l have to lie in it, mi sono fatto il letto e mo' ci devo dormire...e mmme pare ggiusto, me pare!!!approvo



Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - mercoledì, 6 agosto 2014, 19:25
 

Ho dimenticato di dire che la prima parte, che loro chiamano acquedotto, è praticamente sospesa nel vuoto!!! Guardate qui


Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - mercoledì, 6 agosto 2014, 19:24
 

Stamattina Keith mi ha steso con espressioni tipo "avere in uggia" o "calare il sipario", ma io l'ho rintuzzato con un paio di altri idioms inglesi niente male, tipo "let's call it a day" o "l'll throw the book at you", che corrispondono più o meno a "per oggi basta, ci siamo guadagnati la giornata" e "ti punirò pesantemente". Insomma, ci facciamo tante belle risate.

Nel pomeriggio Jill e Kith mi hanno portato a vadere il canale che passa a una ventina di minuti da casa loro. L'Inghilterra è piena di queste vie d'acqua un tempo usate come vie di comunicazione e oggi prevalentemente come attrazioni turistiche. Lungo questi corsi artificiali si può camminare per centinaia di chilometri, affittare barconi e chiatte per un giorno intero, settimane o mesi. E c'è anche chi sceglie di viverci sopra, costruendosi l'immancabile giardinetto sul tetto!  Le chiatte dispongono di cucina, bagno e letti... Ci sono tante famiglie con bambini e sembra di stare in un mondo fatato. Un po' umido d'inverno forselinguetta ma...originale!




avatar
Re: Diario d'estate
di lucia maria izzo - mercoledì, 6 agosto 2014, 13:50
 

Bel diario, Paola. Non so come riesci a sostenere tanto inglese. Io me la sarei già data a gambe. linguetta

Continua così che siamo tutt' occhi. sorridente

Immagine maria concetta pasquale
Re: Diario d'estate
di maria concetta pasquale - mercoledì, 6 agosto 2014, 06:54
 

Luogo incantevole.. e quante emozioni. Sono felice per te..

 

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - martedì, 5 agosto 2014, 22:14
 

Oggi altra lezione con una bella lettura di Mario Rigoni Stern. Keith continua a stupirmi con il suo vocabolario straordinariamente ricco, oggi ha tirato fuori i girini e "scansati", chissá dove li ha pescati ma è stupefacente. In compenso io ho imparato che "to send someone to Coventry" significa escludere qualcuno dalla tua cerchia e fare cpme se non ci fosse, mentre "to get on like a house on fire" significa "andare molto d'accordo", come se una casa che brucia fosse al massimo della felicitàpensierosogrande sorriso... Solo un popolo matto come gli inglesi potrebbe concepire di dire una cosa esprimendo esattamente il contrario!

Nel pomeriggio, gita a un bel castello che risale al medioevo ma che solo nel XIX secolo ha assunto la forma attuale, il Pawis castle, circondato da meravigliosi giardini. Certo, l'ingresso costa caro, circa 12 sterline... Nessuno dei nostri monumenti è così salato! Ma la struttura è mantenuta in perfetto stato da molti volontari che prestano servizio, soprattutto pensionati. Quasi come da noi, insomma... Per non parlare dei charity shops, che vendono roba usata a fini benefici. Siamo entrati in una libreria, dove si possono lasciare i propri libri dismessi... Si dà un' occhiata in giro, si vede se c'è qualcosa che interrssa, lo si prende e si deposita la cifra richiesta in una cassetta tipo elemosina. Una sterlina e 50 per un bel giallo usato, tutto nella massima civiltà. Anche qui, quasi come da noi.

Stasera trofie al pesto portate da me: un successo, anche se non ho mai visto accompagnarle, una volta condite, con pezzetti di petto di pollo arrosto posizionato sopra, insieme al parmigiano. Non si finisce mai di imparare!!!grande sorriso 



Immagine Lucia Bartoli
Re: Diario d'estate
di Lucia Bartoli - martedì, 5 agosto 2014, 10:39
 

Che invidia Paola, ma il tuo racconto è bellissimo... è un po' come esserci.

Grazie

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - martedì, 5 agosto 2014, 08:27
 

Ciao Teresa, no no, qui è tutto tirato a lucido e l'unica mancanza è quella del bidet!

Ieri sera, vi dicevo, mi è toccata una delle cose più meravigliosamente inglesi, un incontro gastronomico di sole donne che aderiscono a un'associazione locale a scopo sociale. Un mio simpatico collega lo chiamerebbe il "carrampa day" ma è stata una cosa simpaticissima. Jill ha fatto una fantastica pavlova, la torta di meringa e frutta che campeggia in primo piano nella foto, e ciascuna delle partecipanti ha

portato qualcosa. Si è chiacchierato tutta la sera ed è stato fantastico. La battuta più bella è stata quella di una ex insegnante di francese e tedesco , donna energica che ha messo su un bed and breakfast, che mi ha chiesto perché non faccio un corso per insegnare inglese agli stranieri!!! Le ho risposto che dovrei prima insegnarlo a me stessa pregandola anzi di correggermi se facevo errori. E lei mi ha detto che ne sarebbe stata felice, se li avessi fatti, ma non ca n' era bisogno! Wow, a quel punto ho deciso che potevo fiondarmi al banco degli alcolici!grande sorriso

Alla 10 eravamo a casa, giusto in tempo per vedere alla tv una toccante cerimonia a Westminster cathedral per commemorare  il centenario dell'entrata dell'Inghilterra nella 1 guerra mondiale. Cerimonia toccante, con cori, letture di testi sacri, poesie, lettere e memorie di guerra. Tutti avevano in mano una candela a pian piano tutte le candele venivano spente finchè non ne rimaneva una sola, simbolo della vita e della speranza. Anche la gente a casa era invitata a spegnere le luci e ad accendere una candela, e lo abbiamo fatto anche noi. Che bel senso di nazione! Noi ci sentiamo patrioti solo quando gioca la nazionale...



Immagine Teresa Ducci
Re: Diario d'estate
di Teresa Ducci - lunedì, 4 agosto 2014, 18:12
 

Oh Paola , hai iniziato la tua avventura. Mi sembra cjhe come inizio non sia affatto male. Mi pare di capire che la casa è ben messa ed anche pulita, cosa molto straordinaria per gli Inglesi.

Quando nel 89 andai con una borsa di studio a Londra affittai una casa con 2 mie colleghe e non ti dico come la trovammo. triste addirittura trovammo le lenzuola usate nei letti e i bicchieri macchiati di rossetto strabuzzante

 

 

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - lunedì, 4 agosto 2014, 17:07
 

Dopo pranzo, passeggiata nei dintorni con rientro presto perchè Jill e Keith stanno aspettando una risposta dalla compagnia del telefono fisso per un guasto. Bellissimo vedere i vicini che si salutano tutti, fanno i soliti commenti sul tempo (che al momento è magnifico); la campagna è rigogliosa e ci sono alcune cose tipiche, come una vecchia macchina per strizzare i panni (a mangle) e l'immancabile cabina telefonica... Questa però ê evoluta e manda anche sms e email! Ma chi l'avrebbe mai detto di trovare dei lama in un giardino inglese? Li tengono per la lana e infatti questi sono ben tosati. Stasera mi aspetta qualcosa di straordinariamente English... Vi saprò dire!!!




Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - lunedì, 4 agosto 2014, 14:00
 

Piumone Luciz... Ottimo duvet inglese... E me lo sono goduto tutto stanotte! Un grazie speciale a te che ti sei prodigata per le mie disgrazielinguetta

La casa è carinissima, una villetta indipendente circondata dalla campagna. L'arredamento è curato nei minimi dettagli, ho perfino un colibrì di legno appeso alla finestra!ammiccante Vi metto qualche foto di quello che si vede dall'ingresso e del salottino che ho a disposizione al pianterreno accanto alla stanza.

Dalle 10 alle 12.30 lezione di italiano: un testo, parole e frasi nuove, un po' di grammatica. Jill è un po' più timida e dice che tende a dimenticare; Keith sa tantissime parole (mi ha stupito con "scarabocchiare", ma fa fatica a metterle insieme.Comunque sono bravissimi ed estremamente motivati. Mi hanno insegnato ai, there is the rub, che è il nostro "qui casca l'asino" grande sorriso.. Cadette e male si facette!!!




avatar
Re: Diario d'estate
di lucia maria izzo - lunedì, 4 agosto 2014, 09:08
 

Che invidia! Tu hai il cervello fritto e rifritto dopo 12-13 ore, a me bastano 5 min.linguetta

avatar
Re: Diario d'estate
di lucia maria izzo - lunedì, 4 agosto 2014, 09:00
 

Le foto si vedono bene. Sì Caspita, Paola, vedo un bel materasso...ehm.... trapunta sul letto. Fa caldo lì. linguettagrande sorriso

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - domenica, 3 agosto 2014, 23:34
 

3 agosto, partenza. Gli auspici non sono dei migliori, spero saranno compensati dal resto. Temporali con tuoni e fulmini stamattina, ma questo data l'estate che abbiamo non è una novità. Il mio vero problema è il treno per Milano, che ha 45 minuti di ritardo. Ho calcolato i tempi con largo anticipo, ma tant'è... fingers crossed!

Ambè, ho preso lo shuttle per Orio al Serio di corsa con un ritardo di tre quarti d'ortfa e correndo un po' ma insomma... sono a bordo e tanto basta. Prima di mezzogiorno dovrei essere in aeroporto. Il tempo è bigio ma la cosa mi fa un baffo, chissà su cosa trovo. Ho il kindle, rileggo la coscienza di Zeno cosí mi deprimo ancora un po' grande sorriso

Beh non è andata poi così male. Alle 12.30 sono al gate e l' aereo è alle 14.15... ho tutto il tempo. Ma non mi sono fatta mancare niente, ritardi, strade allagate dal maltempo e code. Vabbè, ora ci sono e vediamo di volare in questa avventura! Ore 14.30 circa..decollo! L'aereo non è pienissimo, il che non mi dispiace. Sono quasi 2 ore di volo, per ora tra le nuvole, ma siamo ancora in Italia! Chissà, magari a Manchester trovo i rinoceronti e i baobab... intanto provo una foto col tablet... sono sull'ala... dovrei ridimensionare ma non so dove sia l'opzione..provo.

E alla fine sono arrivata a Manchester in perfetto orario per avere un'altra crisi di panico...il mio cellulare, che spento e riacceso non mi dava problemi, una volta messo in modalità aereo mi ha chiesto il pin. Lo avevo disattivato! Ok, don't fret... mi sono comprata una scheda inglese e ho recuperato tutti i miei numeri, avvisato casa e spedito qualcuno a recuperarmi questi 4 maledetti numeri. In tutto questo casino, la lingua è davvero l'ultimo dei problemi!

Eccomi a destinazione, ma sono stanca morta e l'unica cosa che posso dire è che ne valeva la pena. Jill e Keith sono fantastici, abitano nella campagna profonda che sa tanto di old England e lei è un'ottima cuoca. La mia stanza con bagno e salotto è al piano di sotto, loro vivono sopra. ve ne metto una foto un po' alla meglio. buonanotte!!!



Immagine Lucia Bartoli
Re: Diario d'estate
di Lucia Bartoli - domenica, 3 agosto 2014, 10:44
 

Buon viaggio! noi saremo qui a leggerti.

e come dicono gli scout: fai buona stradasorridenteSì

formica Clara
Re: Diario d'estate
di Ada Giammarinaro - sabato, 2 agosto 2014, 16:47
 

Beh, se parlasse con me, nota angloparlante, stai sicura che pronuncerebbe la prima parola in inglese ("uff!!!!") solo dopo 24 ore di tentativi! linguetta

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - sabato, 2 agosto 2014, 14:02
 

Ultimo giorno a casa, ultimi preparativi! Che dire? Un assaggio di Inghilterra l'ho avuto l'altro ieri, quando è venuta una mia amica di Londra, Phyllipa detta Pippa, che ha passato da me un giorno e mezzo. Pippa è una persona un po' speciale che ho conosciuto sempre su conversation exchange, è un'insegnante di inglese in pensione e insegnava inglese a Londra, in quelle che per noi sono le scuole medie. Ha una casa vicino a Imperia da 7 anni, durante i quali non è ancora riuscita a parlare in italiano linguetta... E' stata a casa mia a una festa che ho fatto a capodanno, è stata nella mia scuola a fare tre o quattro lezioni con gli studenti con le mie colleghe di inglese... insomma, una persona davvero preziosa, perchè viene qui almeno un paio di volte l'anno! Quando parla, è praticamente un fiume in piena... e chi la ferma? perchè lei DICE di voler imparare l'italiano, e un po' lo studia anche... ma alla seconda o terza parola parte a raffica con l'inglese e tiene dei sermoni! grande sorriso Per me va benissimo, è un esercizio mica da poco... ma vi garantisco che dopo 12-13 ore di speaking quasi ininterrotto il mio cervello è fritto e strafritto! In ogni caso la seguo benissimo, e la cosa mi conforta non poco nonostante she talks for England! grande sorriso... che è una bellissima e patriottica espressione che gli inglesi usano per le persone logorroiche grande sorriso

In ogni caso, presa dalla disperazione, ho cercato di ammutolirla portandola a vedere la Costa Concordia, ancorata nel porto di Genova... macchè! grande sorriso... Pippa ha fatto un paio di foto e ha continuato  i suoi discorsi come niente fosse. God bless her! linguetta... ecco intanto la nave, un po' sfocata, fotografata dal battello con il cellulare


Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - venerdì, 1 agosto 2014, 15:48
 

hahaha, Lucia!!! grande sorriso grande sorriso spero di non fare la stessa cosa, che le scarpe inglesi sono di pessima qualità! linguetta

Oggi ho chiamato al telefono i miei ospiti a Oswestry. Mi ha risposto Jill, la moglie. Che bella voce chiara e squillante! Chiara, soprattutto, nessuna inflessione dialettale strana, inglese perfettamente comprensibile… fiuuuuuuuuuu… respiro di sollievo! Alla fine della chiacchierata mi ha detto “ciao”, in italiano. Credo sia la prima parola che gli stranieri imparano! Io le ho detto che parleremo molto italiano insieme, lei mi ha chiesto se c’è qualcosa di particolare che volevo sapere ancora ma no, direi che siamo a posto… li risentirò quando sarò sul treno per Shrewsbury. Sarà una bella vacanza, spero, anche se da loro dovrò in qualche modo “lavorare”, se insegnare italiano a stranieri può chiamarsi un lavoro… ma a ben pensarci è quello che faccio tutto l’anno, perché certe volte penso che anche i miei alunni sono stranieri… barbari, per la precisione grande sorriso Quindi, per usare un’espressione inglese, avrò le busman’s holidays, che praticamente significa lavorare anche quando si è in vacanza. Ho chiesto tempo fa a un’amica perché dicono le vacanze dell’autista di autobus (busman) e non di treno o di auto… e lei mi ha dato una spiegazione intelligente e plausibilissima: un tempo le persone andavano in vacanza servendosi dell’autobus e l’autista era l’unico che lavorava per portarle, quindi era l’unico a lavorare. Interessante, no?

Immagine Lucia Bartoli
Re: Diario d'estate
di Lucia Bartoli - giovedì, 31 luglio 2014, 11:46
 

Ottima la scelta dei cibi. Sempre graditi e poi sono mady in Italy.

L'ansia da valigia viene sempre anche a me e come sovente succede rischi di portare ciò che non serve e poi ti manca qualcosa.

Nella mai utlima vacanza, considerato che il peso della valigai doveva essere rigorosamente rispettato, ho portato un solo paio di sandali.... dopo 3 giorni di continuo vagare si sono rotti.. ho dovuto comprarne un paio nuovo grande sorriso

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - mercoledì, 30 luglio 2014, 23:37
 

Ahò, non smontatemi così sul nascere che mi deprimo!linguetta

avatar
Re: Diario d'estate
di lucia maria izzo - mercoledì, 30 luglio 2014, 20:06
 

E la buona focaccia alla cipolla? linguetta grande sorriso

Buon viaggio e fai cose belle.sorridente

Immagine Teresa Ducci
Re: Diario d'estate
di Teresa Ducci - mercoledì, 30 luglio 2014, 18:19
 

Anche se ora è molto più facile consumare un espresso in Inghilterra, non è mai il nostro caffè, per cui la caffettiera  resta un elemento importante da mettere in valigia grande sorriso

E chissà se finalmente avranno scoperto i rubinetti miscelatori? Altrimenti dovrai comprare un miscelatore esterno fatto di gomma a forma di Y da inserire in entrambi i rubinetti (H and C) e miscelare l'acqua grande sorriso  grande sorriso grande sorriso grande sorriso
Sul Bidè non ci contare proprio. Chi ispirerà i tuoi sonetti?!?!! Eh?!
grande sorriso grande sorriso grande sorriso

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - mercoledì, 30 luglio 2014, 14:50
 

Oggi ho tirato giù la valigia. Il bagaglio da imbarcare, intendo; un borsone lo terrò a mano. Qualche giorno prima devo pensare ai bagagli e la cosa mi dà sempre un po’ di ansia, anche se a viaggiare sono abbastanza abituata. Che cosa devo mettere in valigia? La testa, prima di tutto, e dal momento che quella non sempre funziona bene, meglio prepararla per tempo. 20 giorni non sono pochi, ed è sempre meglio avere qualcosa in più che qualcosa in meno. Oddio, con questa filosofia in genere riporto indietro mezza roba ancora pulita, ma insomma… stavolta ho intenzione di portare il giusto. Più che i vestiti, quello che mi preoccupa sono i documenti, le carte di credito, le apparecchiature varie e le cose che “possono sempre servire” e che danno consolazione e sicurezza, e che poi spesso si rivelano inutili. No worry, i pelouches li lascio a casa! grande sorriso. E… ssssttttt… la mia valigia conterrà anche un po’ di cibo, quello che all’estero non si trova e che porterò ai miei ospiti come prodotto tipicamente italiano: un vasetto di pesto fatto in casa e surgelato (si scongelerà in viaggio e il giorno dopo sarà perfetto per essere consumato), un bel pezzo di parmigiano, le trofie tipiche di Genova, un pacchetto di sano caffè italiano e un’altrettanto sana caffettiera, che a me il brodo al vago sapore di caffeina sinceramente non piace linguetta

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - lunedì, 28 luglio 2014, 21:20
 

Grazie Conny... intanto vi tengo aggiornate e viaggeremo insieme sorridente

Immagine maria concetta pasquale
Re: Diario d'estate
di maria concetta pasquale - lunedì, 28 luglio 2014, 20:37
 

Buon viaggio carissima...sorridente

 

Immagine Lucia Bartoli
Re: Diario d'estate
di Lucia Bartoli - domenica, 27 luglio 2014, 18:43
 

le notizie di questa settimana di chi era a Londra, davano caldo e sole.. in giro in maglietta  T-shirt.

Che il bel tempo dall'Italia sia emigrato al Nord? pensieroso

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - domenica, 27 luglio 2014, 16:00
 

Oggi mi hanno scritto Jill e Keith. Sono in giro per l’Inghilterra, beati loro! Torneranno a Oswestry lunedì 28, e dopo una settimana arriverò io. Dicono che non vedono l’ora, sono gentili. La loro corrispondenza è deliziosa, mezza in inglese e mezza in un italiano un po’ stentato ma comprensibilissimo. Il grande problema, guarda caso, sono i verbi. Chi l’avrebbe mai detto. Ieri ho avuto anche qualche difficoltà per contattare uno degli alberghi in cui andremo perché non rispondeva all’email e nel telefono aveva il fax. Volevo solo confermare la nostra presenza, visto che avevo prenotato in aprile e che poi, dopo la prima conferma, non ci eravamo più sentiti. Niente… ho dunque optato per il fax e che succede??? Mentre faccio il fax quelli rispondono… -hello? – hahaha! Naturalmente il fax non parte, comunicazione interrotta, fallita, errore di trasmissione eccetera. Allora ho telefonato e hanno risposto. Tutto liscio come l’olio, mi sono quasi stupita della mia scioltezza nella lingua e ho deciso che non avrò problemi… almeno lo spero! grande sorriso grande sorriso grande sorriso

Jill e Keith mi hanno dato alcune info sul tempo e sull’abbigliamento da portare. Vi copincollo il loro testo, così vi fate un’idea:

“Fa molto caldo qui e speriamo il tempo faremo buona quando tu sei qui!

However the weather can be changeable and you will need a light waterproof jacket.  Also good strong walking shoes would be useful for you.  I don't think it will be cold but you need to be prepared!”

 

Dovrò mettermi in testa che per loro “cold” significa frescolino, per noi vuol dire gelo polare grande sorriso grande sorriso grande sorriso

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - venerdì, 25 luglio 2014, 14:38
 

Ho fatto il biglietto del treno. Partirò da Bergamo e volerò fino a Manchester, con volo delle 14.45, ma per esserci in tempo dovrò muovermi presto, poco dopo le 8.00 da Genova. So giá che sarà un viaggio lungo e faticoso, non tanto per le due ore di volo, quanto per i cambi ferroviari. Il primo qui in Italia, Genova-Milano, poi bus fino a Orio al Serio, aereo, atterraggio e nuovo treno fino a Shrewsbury, dove dovrei arrivare, se tutto va bene, intorno alle sei del pomeriggio. Lì dovrei trovare Jill e Keith ad aspettarmi in macchina per portarmi a casa loro, a Oswestry, con un'altra mezz'ora di tragitto. Poi, arrivo sorridente. Niente male come primo giorno, ma ci penserò sul momento. Potrò fare il confronto tra i mezzi di trasporto e i servizi italiani e stranieri, anche se credo che dirò cose prevedibili e scontate, come quando ero andata in Finlandia e avevo messo a confronto lo stato delle toilettes pubbliche, dicendo che è da quello che si misura il livello di civiltà di una nazione. 

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - martedì, 22 luglio 2014, 12:04
 

Thanx Terry! grande sorriso

Ho finito gli esami di maturità e scriverò a Jill e Keith perché ormai manca poco. Gli scriverò per benino l'ora di partenza e di arrivo e vediamo come possiamo organizzarci. Gli manderó anche una foto, probabilmente, perché a ben pensarci non mi hanno mai vista. Io sì, li ho visti nell'immagine che hanno messo sul sito, sono una bella coppia! Ma loro non hanno visto me, devo prendere una foto recente e mandargliela. Scriverò in inglese, o meglio, un po' in inglese e un po' in italiano, perché so che gli fa piacere ricevere messaggi nella lingua che vogliono imparare. È lo stesso anche per me, preferisco che le persone che mi scrivono usino la loro lingua, che c'è sempre qualcosa di nuovo da apprendere, piuttosto che l'italiano stentato in cui in genere si esprimono... ma capisco perfettamente che deve essere un esercizio per entrambi, altrimenti... what's the point? Certo, il mio inglese è in genere molto migliore del loro italiano, ma solo perché io, come quasi tutti gli italiani, l'ho studiato a scuola e lo pratico da anni, senza contare che almeno quanto alla grammatica la lingua di Albione è incomparabilmente più semplice della nostra. Loro invece incominciano quasi sempre l'italiano dal nulla, from scratch, e in età adulta. Ci vuole del coraggio, hanno tutta la mia ammirazione!

Immagine Teresa Ducci
Re: Diario d'estate
di Teresa Ducci - lunedì, 21 luglio 2014, 22:06
 

well done Paola! I'll appreciate your handoff writing sorridente

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - domenica, 20 luglio 2014, 20:19
 

L'ho già detto ma lo ripeto: io non condividerò foto, non taggheró persone, non ammorberó la rete con inutili link o con patetiche massime di saggezza gratuita e riciclata. E soprattutto, non userò i social network, anche perchè l'esperienza che sogno la immagino del tutto asocial, in lande abbastanza sperdute della campagna britannica dove la cosa più interessante dovrebbe essere vedere il ciclo delle stagioni, parlare con gli anziani e ascoltare canti di un tempo andato. Quello che avrò da scrivere lo scriverò soltanto qui, perchè questa è casa mia, e chi vorrà leggerlo dovrà venire qui, e commentare qui se lo desidererà, oppure semplicemente far scorrere i post di questo filo, guardare le immagini e godersi il racconto. Supposto che ci sia qualcosa da godere, naturalmente. Al momento è tutto così incognito, a stab in the dark, if I can say like that. E anche la scrittura sarà una sorta di salto nel vuoto, di stream of consciousness, perchè non ho affatto intenzione di procedere con una scrittura meditata, controllata e revisionata. Parlerò all'impronta, off the cuff, e rileggerò probabilmente solo dopo giorni, e non certo per correggere, se non gli errori di battitura che faccio sempre in numero impressionante.

Immagine alessandra de acutis
Re: Diario d'estate
di alessandra de acutis - venerdì, 18 luglio 2014, 10:52
 

Ahahahah! Rigrettare, è fantastica!

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - venerdì, 18 luglio 2014, 09:58
 

Grazie Conci! Eccomi, a little at a time.... linguetta

Periodo ideale, dicevo. Divorziata, figli grandi, salute ancora abbastanza buona, genitori ancora abbastanza autosufficienti, nessun legame vincolante se non con un compagno che mi raggiungerà per le vacanze... insomma, ora o mai più.  Quelle che mi girano per la testa sono le canzoni della libertà ed è bello dopo tanto tempo sentirsi padroni della propria vita. Je ne regrette rien, diceva Edith Piaf, e lo dico anch'io. Ma oltre a non rigrettare, vorrei anche buttare il cuore oltre l'ostacolo e raccontare la strada fatta per riprenderlo. It doesn't hurt to try, o forse sì, ma come faccio a saperlo, se non provo?

grande sorriso

Immagine maria concetta pasquale
Re: Diario d'estate
di maria concetta pasquale - venerdì, 18 luglio 2014, 06:52
 

Paola, con i tuoi appunti di viaggio, mi stai regalando tanti ricordi e rivivere emozioni...Continua così..grande sorriso

Immagine Teresa Ducci
Re: Diario d'estate
di Teresa Ducci - martedì, 15 luglio 2014, 15:39
 

Voglio girare il mondo grande sorriso Altrochè se me la ricordo grande sorriso

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - martedì, 15 luglio 2014, 10:32
 

La seconda canzone è anche più vecchia, 1967, anni mitici, ma a quei tempi io di anni ne avevo dieci. La cantavano le mie amiche più grandi gridando il loro anticonformismo ai 'matusa' di allora. Era dei Girasoli... e chi erano? Devo cercare nel web qualche notizia, perché proprio non me li ricordo. Ma il testo lo so a memoria:

 "voglio girare il mondo anche se la gente ride,

anche se tutti quanti mi consigliano di restare..."

e in effetti i 'ma chittelofaffare' e 'tu sei matta chissá che gente è' sono fioccati, ma come prima...who cares?

"Anche con l'acqua negli occhi

potrei veder tutte le cose

che in una stanza all'asciutto

 io non avrei veduto mai".

Oddio, andando in Galles non so se si potrà propriamente parlare di asciutto, ma si vive una volta sola e questo è per me il periodo ideale.

Ah, il link della canzone... sempre youtube, ma niente video stavolta. Solo la copertina del 45 giri, mitico...

http://m.youtube.com/watch?v=r4FxXw-qRkM  

avatar
Re: Diario d'estate
di lucia maria izzo - domenica, 13 luglio 2014, 16:41
 

Il link funziuone e la canzone io ce l' ho spesso nelle orecchie visto che mio marito si diletta a cantare e questa è una di quelle che ripete. sorridente

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - lunedì, 14 luglio 2014, 21:06
 

Ci sono due canzoni che da qualche tempo mi girano per la testa, due canzoni che risalgono ai tempi ahimè lontani della mia gioventù, quando si cantava in coro per gioia e non per fare spettacolo, si ascoltava insieme il mangiadischi e non ci si isolava con gli auricolari nelle orecchie, e la musica era un momento di partecipazione e non di esclusione. La prima canzone diceva

"sai cos'è l'isola di Whight,

è per noi l'isola di chi

ha negli occhi il blu della gioventù,

di chi canta hippihippippi!".

La cantavano i Dik Dik ed è del 1970, fa impressione trovarla con tanto di video su youtube. L'isola di Wight era un cult per gli hippies di allora...ma ve le ricordate le camicie a fiori? Che nostalgia..."senza una valigia io e te siamo partiti un giovedì..." beh, io la valigia ce l'ho, ne ho addirittura due, e parto di domenica, e non ho più negli occhi il blu della gioventù, ma...who cares?

Vediamo se riesco a mettere il link e a far piangere qualcuno... http://m.youtube.com/watch?v=DJZWGnqSRQ0 

boh, sarà attivo?

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - domenica, 13 luglio 2014, 14:17
 

infatti, la stessa cosa faccio io. Solo che quando vado a formattare con gli strumenti della piattaforma devo toccare per forza lo schermo. Quindi il testo che avevo selezionato mi si deseleziona e quindi non formatto un bel nulla

avatar
Re: Diario d'estate
di lucia maria izzo - domenica, 13 luglio 2014, 11:46
 

Paola, nel rispondere qui tramite ipad, ho cliccato su rispondi e scritto nella carsella dell' editor, quindi ho selezionato con il metodo che ti ho descritto precedentemente e formattato tramite gli strumenti dell' editor della piattaforma. Spero di essermi spiegata. pensieroso

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - sabato, 12 luglio 2014, 17:51
 

Non ho cspito ma provo dal cellulare. Ce l'ho fatta ma solo selezuonando tutto, taglia, formatta e incolla. Che sbattone! Non so se formatterò di volta in volta... semmai me lo fate voi linguetta

avatar
Re: Diario d'estate
di lucia maria izzo - venerdì, 11 luglio 2014, 20:19
 

Paola dovrebbe accadere anche rispondendo qui, come sto provando a fare io in questo momento. Vedi ci son riuscita. Devi solo scorrere il box in modo che la striscia di selezione non copra l' editor del box di risposta. 

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - venerdì, 11 luglio 2014, 16:45
 

Io non userò un blog, né facebook, che detesto cordialmente, né alcun altro tipo di social network dove le parole del titolare della pagina sono “testo” e quelle degli altri "commento". A me i commenti non piacciono. Che brutta parola, commento. Mi piacciono gli "interventi", che sono più dignitosi, testi anche loro e tutti sullo stesso piano. È la logica del forum, che per quanto obsoleto resta ancora il mio mezzo di comunicazione informatica preferito. Ordinato, pulito, democratico. Old fashioned, direbbero gli inglesi... demodé per i francesi, e oltre non vado. Scrivo qui, perché qui mi sento a casa, e tanto basta. Allegherò anche delle foto, quando avrò imparato come fare, così vi farò vedere i posti che vedrò io e stare virtualmente negli ambienti in cui starò io.

Cercherò di tenere un diario, magari non proprio giorno per giorno, ma vorrei annotare le cose più caratteristiche, curiose e divertenti, in modo che di questa avventura un po' insolita resti memoria. Vorrà dire che se non siete interessati, semplicemente non aprirete questo filo; altrimenti, interventi e domande non potranno che farmi piacere.

Buona lettura.

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - venerdì, 11 luglio 2014, 16:44
 

essì, Luciz, così io faccio il copincolla... seleziono tutto, ma quando tutto è selezionato, se ritocco il banner della formattazione si deseleziona e tanti saluti! grande sorriso è qui sul forum che non riesco a formattare, non sul mio tablet! sul tablet riesco benissimo!

avatar
Re: Diario d'estate
di lucia maria izzo - venerdì, 11 luglio 2014, 15:38
 

Tenendo il dito fermo su una parola, dovrebbe uscire una striscia con varie opzioni: seleziona-seleziona tutto-incolla ecc...>se stacchi subito il dito, la striscia si sofferma in attesa che tu scegli l' operazione, ad es. seleziona>una volta che hai selezionato quello che vuoi formattare>basta scegliere cosa vuoi fare secondo il sw che stai utilizzando (grassetto-colorato ecc..) Questo è quello che succede con il mio ipad, non so se è valido per il tablet.sorridente

Buon divertimento!

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - giovedì, 10 luglio 2014, 10:57
 

It hits its spot, colpisce nel segno, fa il suo dovere, è quel che ci vuole. It fits the bill. Bella esptessione, verosorridente? Intanto ho imparato a copincollare testo, ma credo di non poterlo formattare perché nel momento in cui clicco sulla formattazione il testo mi si deseleziona. Al max se qualcuno più esperto di me vuole darmi qualche consiglio...grazie!sorridente

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - giovedì, 10 luglio 2014, 10:57
 

E poi c'è questo trabiccolo informatico, denominato comunemente tablet, che mi sono comprata per l'occasione. Per viaggiare leggera e avere all-in-one computer, macchina fotografica, agenda e volendo telefono. Basta metterci dentro la scheda per navigare anche quando non ho copertura wi-fi. Wow. Sette pollici sono la misura giusta, devo solo fare un po' di pratica perchè la mia manualità non è il massimo. Mi sento un bradipo, e per quanto ci abbia scaricato sopra un sw tipo office devo ancora imparare come si fa il copia-incolla. Mi sembra di essere regredita di secoli sotto l'aspetto informatico, io che facevo la tutor ora sto come una scolaretta. Ma via, it hits its spot, come dicono gli inglesi, e sto imparando che il popolo della perfida Albione ha un detto per tutte le evenienze. Quasi come mia madre e mia zia. Peccato che nessuna delle due sappia una parola di inglese... magari li userò anche qui, questi detti, comparandoli con i nostri per vedere se abbiamo il corrispondente e per fare due chiacchiere con voi, se siete interessati.

marialuisa
Re: Diario d'estate
di marialuisa di paola - mercoledì, 9 luglio 2014, 09:13
 

bellissimo, facci sapere!!!sorridente

Immagine angela terranova
Re: Diario d'estate
di angela terranova - martedì, 8 luglio 2014, 11:18
 
Felice avventura Paola! Complimenti tanti tanti
Immagine Teresa Ducci
Re: Diario d'estate
di Teresa Ducci - lunedì, 7 luglio 2014, 18:00
 

Brava Paola!!!! grande sorriso Entusiasmante la tua avventura!! Simpatica e soprattutto utile per imparare la lingua, conoscere altre persone, altri modi di pensare e gestire la vita. Sìììì è davvero una vacanza intelligente e sicuramente divertentesorridente

Good luck!! ammiccante

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - lunedì, 7 luglio 2014, 13:40
 

Dieci giorni, non cinque mesi. Dieci giorni con Jill e Keith e altri otto con il mio compagno, che mi raggiungerà a Manchester al termine della mia esperienza, affitteremo una macchina e ci faremo insieme le vacanze in Galles. Sì, perchè Jill e Keith abitano in Inghilterra, ma molto vicino al confine con il Galles, regione che nessuno di noi due ha mai visitato, quindi... aggiudicato!
Appurato che la lingua non sarà un problema perchè ormai la padroneggio a un livello piuttosto avanzato - vi saprò dire come andrà con l'accento gallese o delle Midlands... al momento sono abbastanza abituata al londinese, allo scozzese, all'irlandese, al canadese e all'australiano - ci sono gli altri preparativi da fare, che non sono pochi: prenotazione voli, noleggio auto, preparazione bagagli e sistemazione di una casa che non ho mai lasciato, da quando ne sono proprietaria, per più di dieci giorni... particolari che volentieri vi risparmio.

Naturalmente metterò anche foto... ecco Jill e Keith così come appaiono sul sito


Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - lunedì, 7 luglio 2014, 13:35
 

Grazie girls! sorridente... e grazie per la formattazione! finchè sono qui me la faccio al pc... poi la lascio alle amministratrici... ma la vorrei violetta, non rosa grande sorriso grande sorriso... nella tavolozza dei colori è il secondo da destra

Immagine alessandra de acutis
Re: Diario d'estate
di alessandra de acutis - lunedì, 7 luglio 2014, 13:24
 

Che bella esperienza sarà. Ti abbraccio!

Immagine maria concetta pasquale
Re: Diario d'estate
di maria concetta pasquale - lunedì, 7 luglio 2014, 07:35
 

Sempre dinamica, intraprendente la nostra Paola! Allora, buone vacanze e, mi raccomando, scrivi...lasciaci condividere un po' le tue emozioni. Grazie.

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - domenica, 6 luglio 2014, 23:39
 

Mmmhhh...scrivo dal tablet, ho imparato a copincollRe ma non riesco a formattare il testo. Vabbé... Lo volevo violetto, ma ve lo terrete così, a meno che un'am inistratrice pietosa non lo formatti per meammiccante!!!

Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - sabato, 12 luglio 2014, 17:48
 

Altro step. Altro sito. Questo si chiama invece workaway e offre opportunità di lavoro/aiuto all'estero, in tutto il mondo, in cambio di vitto e alloggio. Prevede un piccolo contributo in denaro, mentre conversation exchange è gratis, ma sono solo 22 euro per due anni. È qui che ho trovato Jill e Keith.

Jill e Keith sono una coppia di mezz'età, entrambi in pensione, giovanili e dinamici, con figli adulti e tutti fuori casa. Pare che la loro passione sia imparare l'italiano e avvicinarsi alla nostra cultura, a partire dalla... indovinate un po'? Dalla cucina, naturalmente. Hanno dunque messo su workaway un annuncio in questo senso. Cercano una persona, meglio se una donna matura, per fare con loro pratica di conversazione e insegnare qualche ricetta italiana. Ci vado! ho pensato subito, ho scritto e... detto fatto. Vado. In agosto, naturalmente, che la scuola non mi lascia altro tempo, e solo per 10 giorni, che poi ho da fare altro, ma insomma... vadosorridente 
Immagine Paola Lerza
Re: Diario d'estate
di Paola Lerza - domenica, 6 luglio 2014, 21:22
 

Vi aggiornerò anche in questi giorni! sorridente... scriverò di tanto in tanto un po' per volta... magari coloro diversamente il "diario" vero e proprio per distinguerlo dagli interventi estemporanei come questo sorridente

Immagine Lucia Bartoli
Re: Diario d'estate
di Lucia Bartoli - domenica, 6 luglio 2014, 21:20
 

Bella avventura...ammiro la tua disponibilità e il coraggio di buttarsi in nuove imprese.approvo

Attendo con curiosità le tue avventure... sarà un po' come esserci.  Grazie.