Forum caffé

 
 
Immagine maria cristina rosa
open day
di maria cristina rosa - giovedì, 19 dicembre 2013, 19:35
 

Buonasera. Ciao. Scusate la prolungata assenza e per piacere non dite che vengo qui solo quando ho bisogno pure se è vero ma togliendo il "solo". ammiccanteComunque ho 'sto problema e vorrei sapere i vostri pareri e le vostre esperienze. La (nuova) preside ha proposto al collegio docenti due giorni di open day, da effettuarsi a gennaio, sabato e domenica, in due settimane diverse. In questi giorni dovremmo stare a scuola dalle 15 alle 19 e lì accogliere i pargoli del primo e secondo anno (i cosiddetti grandi andranno all'open day della primaria) con i genitori e organizzare per/con loro dei laboratori. In pratica noi staremmo a scuola con i genitori che vanno e vengono con i figli e si fermano a vedere come lavoriamo co' 'sti cavolo di figli. Non è stata chiara, la preside, sulle modalità di pagamento delle ore effettuate ma non è questo il problema. Non è neanche stare a scuola, chè star lì a dire buonasera sono la maestra pincopalla questa è la scuola questi sono i lavori dei bambini bla bla bla si può fare. E' che mi scoccia star lì a spupazzare genitori e figli (i secondii ingestibili in presenza dei primi), e magari pure i nonni, per far vedere cosa so fare e come. Se devo togliermi un pezzo di corpo non vado dal chirurgo a dirgli "mò mi fai entrare in sala operatoria chè io voglio vede' come operi", per dire. Son più vicina ai sessanta che ai cinquanta, sono al trentatreesimo anno di servizio, lavoro da cinque anni in un musp, non ho avuto da anni un euro di materiale, mi faccio fotocopie e stampo quel che serve per fatti miei e adesso dovrei fare 'sta buffonata per sponsorizzare la scuola? E poi, le collaboratrici faranno vedere come sc...spazzano? La signora che serve i pasti farà vedere coma va avanti e dietro con il carrello e farà finta di scodellare la minestra? Gli applicati di segreteria faranno vedere come non fanno una beata fava percependo straordinari e incentivi? Eh?!

Scusate lo sfogo amaro ma oggi va così. Grazie. Scusate. Buona serata. Baci. Vi penso, giuro.

bacio

 
Immagine maria cristina rosa
Re: open day
di maria cristina rosa - sabato, 21 dicembre 2013, 09:57
 

Rispondo in generale un po' a tutte, scusate. La mia esperienza si limita alla scelta della scuola dell'infanzia e della primaria:La prima si sceglie in base all'orario e alla vicinanza al posto di lavoro o ai nonni. La seconda più o meno lo stesso, nel senso che tempi/collocazione sono fondamentali. Meglio il tempo pieno, indispensabile il pre-scuola, le maestre sono un fatto secondario, meglio se si sa che non danno compiti per casa. I genitori più interessati chiedono se "si fa inglese motoria computer il corso di isci". Mi dispiace ma è così.

L'open day, per questa fascia di età, non serve assolutamente a niente. Si deve fare? Vabbè, facciamola 'sta roba ma non con i pargoli che strepitano mentre i padri parlano al cell e le madri si danno appuntamento per l'aperitivo.e noi lì che scioriniamofogli bristol e ci imbrattiamo di tempere che c'è scritto lavabile lavabile ma lavabile 'sto cavolo.

Buona giornata piccolina, oggi è la giornata più piccina dell'anno. Una giornatina. Bisogna volerle bene chè poi cresce, come i figli, e chi s'è visto s'è visto.

 

Immagine Paola Lerza
Re: open day
di Paola Lerza - sabato, 21 dicembre 2013, 07:42
 

eh, infatti... sono d'accordo con Ada... tanto più che nella mia scuola chi si occupa dell'open day sono soprattutto gli "anziani", quelli che non rischiano proprio niente, mentre gli ultimi in graduatoria solo raramente si fanno vedere. Da noi vige la "lotta", gara o competizione che sia con il liceo scientifico più vicino, per portarci via studenti reciprocamente. Un po' squallido, in fondo.

Gli open days sono frequentatissimi, l'aula magna scoppia e le attività che mostriamo sono carine.... di sabato vengono anche scolaresche ad assistere a lezioni-laboratorio... ma il lavoro "duro", quello quotidiano che paga di più, non lo vedono.

formica Clara
Re: open day
di Ada Giammarinaro - sabato, 21 dicembre 2013, 01:16
 

Liliana, per quello che a me risulta, i genitori scelgono non in base all'Open day, ma in base al tam tam e alla capacità di convincimento dei docenti che si occupano della commissione Continuità e Orientamento. Quindi l'Open day è una vetrina che, almeno per quella che è la mia esperienza, risulta abbastanza superflua. Ripeto, per quello che è la mia esperienza.

ps: so che ci sono docenti che si "procacciano" i futuri alunni (sì, perchè c'è anche chi si va a cercare gli alunni per la propria classe) anche in terza elementare, attenti a non farsi scappare quelli più bravi. Ne ho sentiti tanti negli anni vantarsi di avere già la loro classe formata pur non essendo ancora iniziato l'anno scolastico! E c'è chi viene considerato il beniamino della scuola perché ha portato 30-40 e più alunni ad iscriversi nella propria scuola, garantendo di essere il loro insegnante. Insomma, quasi sempre il genitore sceglie la scuola in base a quei tre-quattro insegnanti delle materie considerate fondamentali e che è ragionevolmente sicuro di trovare nel consiglio di classe del figlio. Nei casi più estremi, c'è chi ottiene il cdc à la carte, nel senso che se si richiede l'insegnante X che però è nel corso W, mentre gli altri richiesti pure sono nel corso K, allora anche X viene spostato nel corso K.

Del resto, ho provato a chiedere varie volte ai miei alunni di terza se la loro scelta della scuola superiore è stata influenzata dai vari incontri avuti con i docenti delle altre scuole e nelle visite ai loro istituti. Risposta sempre negativa.

Ne deduco che per la  scelta delle superiori conti altro, come le opinioni dei ragazzi che già le frequentano, il costo dei libri o la presenza del tablet, la difficoltà degli studi, l'avere un diploma spendibile o trovarsi poi nella necessità  di dover proseguire gli studi, ecc. La scelta di una scuola fatta in base all'impegno dei docenti che ci lavorano ancora non l'ho sentita, anche se poi, una volta iscritti, questo elemento conterà nella scelta della sezione (per le scuole superiori). Per le medie, vedi sopra, si richiede una scuola tranquilla e un piccolo gruppo di docenti efficienti nel consiglio della classe del proprio figlio.

Immagine Liliana  Manconi
Re: open day
di Liliana Manconi - sabato, 21 dicembre 2013, 00:40
 

sono reduce dall'estenuante giornata dedicata all'open day: sono stanca e mi sa che mi sono beccata l'influenza, ma tant'è: domani ancora a scuola e poi mi riposerò (???). Ho letto le vostre considerazioni e mi permetto di sottoporvi un'altra chiave di lettura sull'utilità (vera o presunta) di tali iniziative.

La mia scuola - come tante altre - è a rischio di chiusura e chi come me (che insegno in una terza media) è ultima nella graduatoria interna, vive nel timore di perdere la sede. Sono un po' seccata per l'atteggiamento di tanti colleghi ai quali non gliene frega niente se non si raggiunge il numero di iscrizioni per poter almeno mantenersi a galla: tanto a loro chi li tocca? Primi nelle graduatorie interne, guardano con disinteresse "noi, poveri mortali ultimi in graduatoria" e se ne strafregano del m..zzo che ci facciamo per promuovere la nostra scuola, anzi, ci criticano pure! L'open day è inutile, dite? Non sono d'accordo! E' stato un momento positivo per gli alunni, che hanno avuto modo di mettere in mostra quanto hanno imparato e come si sono preparati; per i genitori, che hanno potuto toccare con mano e vedere da vicino la realtà della scuola dei loro figli, ed hanno contribuito volontariamente alla riuscita dell'evento; per i docenti coinvolti che finalmente hanno potuto far conoscere come lavorano e quanto di buono, positivo ed innovativo la nostra scuola ha da offrire. L'ho fatta lunga, lo so... ma se questa giornata servirà ad incrementare il numero di iscrizioni per l'anno prossimo, ben venga l'Open Day !!!

formica Clara
Re: open day
di Ada Giammarinaro - venerdì, 20 dicembre 2013, 20:45
 

Eh, a quanto pare solo nella mia scuola si fa volontariato.pensieroso

Immagine Sonia Solomonidis
Re: open day
di Sonia Solomonidis - venerdì, 20 dicembre 2013, 19:30
 

Ciao Cris bacio

Open day anche nella mia scuola... anzi Open DayS triste infatti sono diverse domeniche tra dicembre e gennaio, e anche un sabatoassonnato Partecipiamo a turno  noi del gruppo orientamento, tre per domenica. I genitori accorrono numerosi e noi mostriamo la scuola dopo aver presentato l'offerta formativa. Partecipano alla ....  kermesse anche alcuni ragazzi dell'ultimo anno, generalmente del Consiglio di Istituto. Pagamento dal fondo di Istituto come ore funzionali.

Dicesi : mettersi sul mercato....occhio nero

formica Clara
Re: open day
di Ada Giammarinaro - venerdì, 20 dicembre 2013, 16:26
 

Da noi partecipano al pomeriggio, per un paio d'ore, oltre ai genitori che a volte si portano i figli dietro, solo gli insegnanti che l'anno dopo avranno le classi prime. Nessuno ha mai parlato di compensi, si dà per scontato, credo, che facciano parte delle 40 ore. Il ruolo di noi docenti in quell'occasione? Ci alziamo in piedi per fare vedere che faccia abbiamo man mano la vicaria ci nomina per presentarci e stop. Poi via con i video che illustrano le attività e i successi della scuola. Qualche volta capita che, individuati i prof che sono loro stati segnalati, i genitori si avvicinino ad essi per chiedere qualcosa in più.

Al mattino, invece, a turno arrivano le scolaresche con le maestre per visitare la scuola, essere intrattenuti con canti e balli degli alunni che partecipano ai vari progetti.

Insomma, tutta roba entusiamante.

Immagine Paola Lerza
Re: open day
di Paola Lerza - venerdì, 20 dicembre 2013, 07:40
 

I nostri Open days ci vengono pagati con i fondi di Istituto. Poco, ma pagati, come anche il tempo trascorso il pomeriggio allo stand quando c'è l'altra kermesse dell'expo delle scuole, alla fiera del mare.

L'assicurazione copre, ma in effetti sono risorse sprecate. Basterebbe un volantino informativo, che comunque si fa, in aggiunta

Immagine Lucia Bartoli
Re: open day
di Lucia Bartoli - giovedì, 19 dicembre 2013, 23:59
 

Per i problemi della sicurezza dovresti essere coperti,queste attività rientrano nel POF e quindi dovrebbe essere comprese, ma dipende dalla stipula che si è fatto...

Immagine Lucia Bartoli
Re: open day
di Lucia Bartoli - giovedì, 19 dicembre 2013, 23:54
 

Ciao Cris...è bello rivederti e se vieni perchè hai bisogno, non ti devi neppure scusare... siamo tra amici e gli amici capiscono.

Sinceramente due giorni mi sembrano eccessivi, le ore starordinarie vanno pagate e anche se siamo sempre superiori a queste cose, è ora che invece le pretendiamo... non ci sono soldi per il materiale e si sprecano risorse per due giorni di open day... è un punto di vista che andrebbe discusso al Collegio Docenti...

Quest'anno la mia Dirigente continua a ridurre i numeri delle Commissioni perchè i fondi sono stati ulteriormente tagliati e non bastano per pagare tutti.

Anche da noi si fa l'open day ma dopo le 17  o il sabato pomeriggio (perchè la nostra scuola funziona anche di sabato mattina), si sceglie un solo giorno.

Poi a giugno i bambini della scuola materna, vengono a trovarci con le loro maestre (noi siamo un piccolo paese e le due scuole sono vicine ).

In genere per l'open day fissiamo un orario così spieghiamo a tutti i genitori cosa facciamo, il nostro POF a linee generali, i progetti dell'anno.

Immagine maria cristina rosa
Re: open day
di maria cristina rosa - giovedì, 19 dicembre 2013, 20:54
 

Ma seondo te, secondo voi, siamo nella legalità se facciamo entrare dei bambini a scuola fuori dall'orario consentito? E se uno di loro si fa male? E per le docenti (avevo detto che è un problema secondario ma mica tanto a questo punto) sono ore frontali-festive, no?

Che croce.

Immagine Paola Lerza
Re: open day
di Paola Lerza - giovedì, 19 dicembre 2013, 20:15
 

Ciao Cris sorridente

Questa dell'open day è un'americanata che va di moda. Come al solito, noi dall'America prendiamo sempre e solo il peggio, e non ci facciamo mancare niente.

Una volta ci si fidava; adesso si vuole vedere, ficcare il naso, magari non te ne frega niente ma devi dire io ci sono stato, ho visto e ho toccato. Una volta non c'era questa guerra dei poveri con quelli della scuola accanto, che ci si portano via gli studenti manco fossero merce pregiata. Il tour della scuola con tanto di personale all'opera non era previsto, a scuola ci dovevi andare e basta.

Ora è diverso, la gente vuole essere rassicurata, avere certezze, "partecipare", con un senso della parola un po' aberrante. Anche noi facciamo l'open day, e vaglielo a spiegare ai genitori che si possono fare lezioni bellissime anche in mezzo a una strada o sotto un ponte... da quando nella scuola pubblica la stabilità delle scale e l'impianto anti-incendio sono diventati più importanti dei contenuti didattici, è questo che conta.  Puoi consolarti, Cris, che la gente non viene a vedere te, e di quello che fai non glie ne importa una beata fava. Basta che la scuola sia calda, arieggiata, soleggiata, con tanti bei laboratori, insomma un bel contenitore vuoto. Riempito di cosa non ha importanza.

Certo, che vengano però a scassare i c... anche nella scuola materna mi pare un po' troppo, però,,,